DIY: Olio alla Camomilla, idratante lenitivo & SOS sole

Questa ricettina è veramente a prova di imbranata, non serve niente di particolare, ne attrezzi strani da piccolo chimico.

Camomilla-Close-Up

Aneddoto Time: La prima volta che l’ho preparata è stato circa 13 anni fa, quando dall’altro dei miei 16 anni (Oddio voglio tornare nel 2000!!) mi scottai dopo una giornata passata sugli scogli spalmata di olio super-mega-iper-ultra abbronzante al cocco.
Per fortuna, non ho una pelle chiara quindi i danni furono limitati a qualche galla sul petto e spalle ed a tanto tanto dolore.
In preda al panico, perchè il doposole era come acqua fresca, a mia mamma venne in mente che avevamo un vecchio libro sulle erbe e i loro utilizzi in cosmesi e cura della persona.  Tra i vari rimedi, sotto la dicitura “scottature”, c’era questo olietto alla camomilla…
Risultato: sollievo immediato e la pelle non bruciava più.

Questo è quello che ci serve:

- 25 gr di fiori essiccati di Camomilla (in erboristeria) 
  (altrimenti comprate la Bonomelli in fiore, 
  lo sò non è la stessa cosa ma si trova da tutte le parti!)
- 250 ml di Olio di Oliva (o di Riso o di Semi)
- Due pentolini per il bagno maria
- Un colino a maglie fitte, se non lo avete, una garza.

Dried chamomile tea isolated on white background
Bisogna mettere i fiori e l’olio in un pentolino a bagno maria e scordarsene per 2 ore. Filtrare strizzando bene, con un cucchiaio, i capolini di camomilla versando il preparato in delle boccettine di vetro (possibilmente scure).

Se non abbiamo le boccette andranno benissimo i classici barattoli Bormioli che conserveremo al buio.

Quest’olio va benissimo anche come idratante “strong” per le parti più secche del corpo (gomiti, talloni, gambe…).
Se dovete utilizzarlo come olio idratante basterà versarne un pò sulle mani e spalmare, se invece dovrà servire come SOS sole munitevi di garze sterili che imberrete di olio per lasciarle in posa una ventina di minuti sulle parti scottate.
Perchè quando ci bruciamo sotto il sole, lo sfregamento (anche se fatto con una piuma) è la cosa più odiosa che ci possa essere.

Basta, smetto di chiacchierare. Vi saluto e buona estate a tutte(/i)

ps: se tra voi c’è qualche spignattatrice… ma l’olio di cocco può andar bene come sostituto per questa ricetta?

Simona 

Annunci

7 pensieri su “DIY: Olio alla Camomilla, idratante lenitivo & SOS sole

  1. Shaina ha detto:

    Adoro adoro adoro! L’oleolito di camomilla sarà mio fedele compagno di viaggio quest’estate.

    Per preparare gli oleoliti conviene usare oli vegetali non molto costosi. Secondo me il migliore è l’olio di semi di girasole premuto a freddo. Quando ho preparato l’oleolito non ce l’avevo e ho usato l’olio di riso.

    L’olio di cocco direi proprio no anche per l’odore.

    Però potresti fare un oleolito di cocco utilizzando la farina cocco 😉

    Mi piace

      • Shaina ha detto:

        No ne ho idea!
        Il vero problema è: l’olio di cocco è capace di estrarre le proprietà della camomilla?

        Io non ho mai sentito di qualcuno che lo usasse per fare gli oleoliti..
        Comunque ora mi informo e ti dico.

        A proposito… Ma qual è il libro di cui parlavi nel commento che hai lasciato sul mio blog?

        Mi piace

        • followingyourpassionsimona ha detto:

          Sei tu l’esperta… Io non ho idea!

          Il libro è: “Segreti e Virtù delle piante medicinali” , selezione dal Reader’s Digest 1981. E’ bello vecchiotto ma secondo me è ben fatto e dentro si trova un pò di tutto.
          La sezione più grande è dedicata ai tipi di pianta con le loro caratteristiche ed usi, poi c’è la parte “curarsi con le piante” e il glossario.
          Se mi prende la voglia via via potrei inserire qualche nozione… ora vediamo!
          😉

          Mi piace

          • Shaina Quella Stronza ha detto:

            Meno male che mi hai scritto su twitter perché gmail mi ha messo le notifiche dei commenti in un’altra cartella :S

            Comunque voglio anche io questo libro!

            Intanto mi sono documentata sulla faccenda dell’olio di cocco.
            Nessuno fa oleoliti usando l’olio di cocco e credo sia per il fatto che questo inverno è solido e quindi diventa di difficile utilizzo.

            Per caso sul tuo bel libro dice qualcosa sull’oleolito di lavanda?

            Mi piace

Dimmi che ne pensi! Share and Enjoy.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...